In situazioni di elevato e/o prolungato stress, può capitare di sentirsi non in grado di gestire e controllare la nostra mente e il nostro corpo.

Le persone che sperimentano periodi di intensa ansia, vivono spesso nella paura di perdere il controllo del proprio corpo, della propria mente, fino ad impazzire: affrontano le giornate con la convinzione che, presto o tardi, qualcosa causerà loro uno stress talmente forte da “mandarli completamente fuori di testa”.

Questa percezione deriva da un’errata valutazione di ciò che sta succedendo al nostro corpo, oltre che dalla presenza (a volte patologica) di convinzioni disfunzionali rispetto a come dovrebbero andare le cose.

Il nostro corpo, in condizioni di stress, ansia prolungata e paura, presenta un’attivazione fisiologica caratteristica: palpitazioni, sudorazione eccessiva, fame di ossigeno con conseguente iperventilazione, capogiri e senso di nausea, restringimento del campo visivo, formicolii agli arti, (etc).

Questa attivazione fisiologica può generarci preoccupazione, se ci troviamo a pensare “Cosa mi sta succedendo?”, “Non controllo più il mio corpo” fino a “Sto per impazzire”.

Con la convinzione, disfunzionale, di dover avere sempre sotto controllo ogni angolo del proprio corpo e ogni pensiero della propria mente, ci si trova nella situazione più temuta: non capisco cosa succede e di conseguenza non posso gestire come vorrei la situazione.

Un’altra convinzione, altrettanto portatrice di malessere, è quella di non dover assolutamente vivere e sperimentare emozioni forti, per paura di non poterle reggere: in questo modo impegno molte energie fisiche e mentali per evitare situazioni improvvise o dall’esito incerto, per paura che la mia sanità mentale dipenda dalla “tranquillità” di cui riempio le mie giornate.

Insomma, tutto deve andare assolutamente sempre come dico io, e a queste regole devono sottostare anche la mia mente e il mio corpo.

Se questo non avviene, ecco che l’ansia prende il sopravvento e con essa, a causa di una valutazione errata dei sintomi fisioligici dell’ansia, arriva anche la paura di perdere il controllo fino ad impazzire.

Spesso ci troviamo attivati, in preda ad emozioni di ansia e di paura, senza riuscire ad identificare uno stimolo attivante: in questa situazione è fin troppo semplice interpretare in maniera catastrofica l’accaduto e giungere alla conclusione “Sto impazzendo!”.

Semplificando, succede quanto riportato nello schema

paura di impazzire

Ma c’è un altro importante elemento da tenere in considerazione: a rendere l’ipotesi di perdita di controllo e pazzia così temibile, ci pensano

  1.  le convinzioni in merito a ciò che potrebbe conseguire qualora si stesse realmente perdendo il controllo della propria mente o del proprio comportamento;
  2.   gli scopi che la persona starebbe perseguendo, in modo più o meno consapevole.

Cosa significa per te perdere il controllo?
Cosa pensi potrebbero pensare di te gli altri? Pensi che potresti riprenderti?
Come pensi possa procedere la tua vita?

Le risposte a queste domande possono farci capire le reali motivazioni della paura di impazzire.

La difficoltà nella risoluzione di questo tipo di disagio psicologico è spesso dovuta ad alcuni meccanismi di mantenimento che le persone, nel tentativo stare meglio, mettono in atto involontariamente. 

Ne sono un esempio, le condotte di evitamento (es., non prendere la metropolitana), la ricerca di continue informazioni su internet (es., sintomi della Schizofrenia) o la ricerca di rassicurazioni (es., “Dottore ma secondo lei potrei impazzire?”).

la paura di perdere il controlloUn ulteriore problema che solitamente si associa a questi vissuti, e che contribuisce a mantenerne la presenza, è la difficoltà che spesso si presenta nel parlare ad altri di queste esperienze. Il timore del giudizio incrementa lo stato di disagio personale e di chiusura, prolungando il malessere e ritardando il processo di cura.

La terapia cognitivo comportamentale, attraverso l’applicazione di protocolli standardizzati e la costruzione di un percorso di cura individualizzato, può essere un ottimo strumento di gestione e superamento di questa tipologia di disagio.

In situazioni di elevato e/o prolungato stress, può capitare di sentirsi non in grado di gestire e controllare la nostra mente e il nostro corpo. #paura #impazzire #psicologia Condividi il Tweet

dott.ssa Annarita Scarola

inizia la sua attività terapeutica nell’ambito della disabilità grave e del fine vita, effettuando sostegno psicologico ai malati di SLA e accompagnamento alla morte. Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale.

dott.ssa Elena Cristina

inizia la sua attività clinica occupandosi di psicologia dell’invecchiamento sano e patologico, neuropsicologia e psicologia del malato oncologico (psico-oncologia). Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

dott.ssa Laura Grigis

inizia la sua attività come psicologa nell’ambito del sostegno e potenziamento delle abilità scolastiche, anche in situazioni di Disturbo Specifico dell’Apprendimento. Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

La paura di perdere il controllo, fino ad impazzire
5 (100%) 3 votes