Home » Articoli di Psicologia » L’elaborazione del lutto

L’elaborazione del lutto

Articolo di Giulia Fusè

28 Feb 22

Il lutto è definito da Freud come la reazione alla perdita di una persona amata. Un processo fisiologico che richiede tempi lunghi di elaborazione.

Nonostante ciò talvolta è possibile rimanerne eccessivamente coinvolti, al punto tale da sviluppare degli stati di negazione, con difficoltà a realizzare la mancanza della persona, stati di agitazione, di confusione e di rimuginio, che compromettono la qualità di vita della persona coinvolta. 

Quali sintomi possono manifestarsi?

I sintomi più comuni sono tristezza intensa e persistente, insonnia, inappetenza, difficoltà di concentrazione e memoria. Possono inoltre essere presenti ansia, tensione, percezione che qualcosa di brutto possa accadere e disorientamento spazio-temporale. Il lutto innesca tuttavia la necessità di andare avanti, restituisce l’obbligo di un cambiamento, in quanto viene a determinarsi un nuovo equilibrio. 

Quali sono le fasi del lutto?

La fase iniziale è definita di ottundimento, caratterizzata da offuscamento dei sensi, dolore lancinante e incapacità di accettare quanto accaduto. Successivamente si passa a una fase di ricerca ardente della persona amata nella quale dolori fisici, afflizione, insonnia e rimuginio relativo all’impossibilità di credere che la morte sia un fatto effettivamente avvenuto. Questa fase è caratterizzata da sentimenti ambivalenti che si oscillano tra tristezza della perdita e alla rabbia per la scomparsa della persona cara. Lo struggimento porta a desiderare di incontrare nuovamente il defunto e parlare con lui. Solo accettando la perdita si passa alla terza fase, nella quale, scompare la collera, e si manifesta la tristezza in modo preponderante. L’ultima fase comporta la ridefinizione della situazione e della persona rimasta in vita all’interno di questa. 

La condizione patologica si manifesta quando quest’ultima fase non viene raggiunta e si approfondiscono sentimenti di rabbia, profonda tristezza, isolamento sociale, rimpianti, pensieri suicidi e alterazione dei cicli sonno veglia.  

Come può essere superato un lutto?

Per Mancini il lutto è definito come un evento che compromette o minaccia degli scopi personali, riguardanti la perdita in sé o i domini ad essa connessi. La fase di accettazione del lutto pertanto dovrà corrispondere al disinvestimento e alla revisione degli scopi che sono stati compromessi e allo sviluppo di nuove prospettive perseguibili. Per fare ciò è necessario modificare le credenze che portano a continuare a investire sugli scopi precedentemente in essere. 

Tale processo tuttavia non sempre è lineare in quanto vi possono essere delle complicazioni che bloccano e/o rallentano. Alcune di queste possono essere la gravità della perdita, la mancanza di una rete sociale, i comportamenti di negazione della sofferenza, l’incertezza relativa alla causa della perdita. 

Per fronteggiare queste insidie è fondamentale costruire una buona relazione terapeutica, ponendo l’attenzione sulle dinamiche di attaccamento e sulla storia dello sviluppo della persona oltre che sul funzionamento. 

La terapia CBT e l’EMDR possono rappresentare dei validi approcci terapeutici. 

Bibliografia

  • Bowlby, J. (1982). Costruzione e rottura dei legami affettivi. Milano: Raffaello Cortina
  • Onofri, A., La Rosa, C. (2015). Il lutto. Psicoterapia cognitivo – evoluzionista e EMDR. Roma Giovanni Fioriti Editore
Vota
Fissa un incontro con Giulia Fusè

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter