Il 5 dicembre 2019 un gruppo di professionisti di rilievo:

  • Roberta Borzì – Direttore didattico, Istituto A.T. Beck, Roma e Caserta
  • Giovanni Lo Savio – Direttore e fondatore dell’Istituto Tolman, Palermo, Catania e Nuoro
  • Nicola Lo Savio – Responsabile area clinica, Istituto Tolman, Palermo
  • Nicola Marsigli – Direttore didattico e fondatore Istituto IPSICO, Firenze
  • Gabriele Melli – Presidente e fondatore Istituto IPSICO, Firenze
  • Paolo Michielin – Presidente Consulta Nazionale delle Scuole di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale
  • Paolo Moderato – Professore Ordinario IULM, Milano – Presidente IESCUM – Past President EABCT
  • Antonella Montano – Direttore e fondatore Istituto A.T. Beck, Roma e Caserta
  • Giovanni Maria Ruggiero – Direttore di Psicoterapia Cognitiva e Ricerca, Milano, Bolzano e Venezia
  • Ezio Sanavio – già Professore Ordinario Università di Padova – Fondatore e direttore ITC, Padova
  • Sandra Sassaroli – Direttore Studi Cognitivi Network, Direttore Dip. Psicologia SFU, Milano

ha fondato una nuova società scientifico/professionale: CBT-Italia – Società Italiana di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale.

L’intento di CBT-Italia è quello di diventare un polo di interesse e riferimento nazionale per tutti coloro che hanno a che fare, a vario grado e titolo, con la pratica e la teoria della CBT, nelle sue varie ramificazioni interne ma condivise e riconosciute a livello internazionale e ancorate a rigorosi processi di validazione empirica delle teorie e dei metodi utilizzati.

In Italia siano già presenti due associazioni di terapia cognitivo-comportamentale, queste sono legate a doppio filo con le reciproche scuole di formazione affiliate (meno della metà di quelle esistenti in Italia) e accolgono soltanto gli psicoterapeuti formati da queste. Esse raggruppano inoltre esponenti con visioni e approcci alquanto eterogenei, talvolta lontani da quello che è il panorama internazionale della CBT e da un’idea della clinica strettamente ancorata alla ricerca, che invece ha reso questo approccio il più diffuso al mondo, il più riconosciuto e accettato dal mondo medico/scientifico e il più richiesto dagli utenti.

CBT-Italia accoglie tutti gli psicoterapeuti e gli specializzandi in psicoterapia cognitivo comportamentale, a prescindere dalla scuola frequentata, che ne condividano i principi ispiratori e vogliano sentirsi ben rappresentati, rimanendo costantemente aggiornati e in contatto con tutti gli altri colleghi italiani.

Vai al sito della società