Home » Articoli di Psicologia » Famiglie traumatizzate? Summit di Psicologia Saronno 2021

Famiglie traumatizzate? Summit di Psicologia Saronno 2021

Articolo di Centro Interapia

11 Set 21

Il periodo che tutti stiamo vivendo sta generando fenomeni clinici e sociali di grande impatto sulla salute psicofisica delle famiglie.

Il contatto fisico, canale fondamentale nelle relazioni familiari e amicali, è stato interrotto. Gli spazi di vita si sono ristretti e al contempo saturati, con una notevole riduzione di movimento.

I bambini hanno sviluppato diverse fobie, il “fuori” è diventato minaccioso e l’essere potenziali portatori asintomatici li ha iper-responsabilizzati rispetto alla salute dei propri nonni.

Agli adolescenti sono venute a mancare molte esperienze relazionali, fondamentali per la costruzione della propria identità e la didattica a distanza ha rinforzato ulteriormente questa assenza di contatto con l’Altro. Con un incremento del ritiro scolastico e sociale, dell’autolesionismo e dei disturbi alimentari.

I genitori, infine, si sono trovati a gestire un enorme sovraccarico dato dall’incertezza del domani, dalle difficoltà di gestione del quotidiano, dall’assunzione di compiti e di ruoli nei confronti dei figli che prima erano deputati ad altre figure ed istituzioni.

Come sviluppare resilienza nelle famiglie traumatizzate dalla pandemia?

L’intervento sarà presso la sala Nevera della biblioteca di Saronno Sabato 2 Ottobre alle ore 11:15 AM

Per partecipare all’evento è necessario iscriversi –> https://www.summitpsicologia.it

5/5 - (1 vote)
Fissa un incontro con Centro Interapia

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter