In qualsiasi epidemia, è comune che le persone si sentano stressate e preoccupate. Risposte comuni delle  persone colpite (direttamente o indirettamente) potrebbero includere:

  • paura di ammalarsi;
  • evitare di avvicinarsi alle strutture sanitarie per paura di essere infettati durante le cure;
  • sentirsi impotenti nel proteggere i propri cari e la paura di perderli a causa del virus;
  • sensazione di impotenza, noia, solitudine, e depressione dovute all’isolamento;
  • paura di separarsi dalle persone care e dai caregiver a causa del regime di quarantena.

Le emergenze sono sempre stressanti, ma fattori di stress specifici dell’epidemia COVID-19 influenzano la popolazione.

Stress epidemia da Covid 19

Gli stress includono:

  • Rischio di essere infettati ed infettare gli altri, soprattutto se la modalità di trasmissione di COVID-19 non è al 100% chiara;
  • Sintomi comuni di altri problemi di salute (ad es. Febbre) possono essere confusi con COVID-19 e portare alla paura di essere infetto;
  • I caregivers possono sentirsi sempre più preoccupati per il fatto che i loro figli siano a casa da soli (a causa della chiusura delle scuole) senza cure e supporto adeguati.
  • La chiusura delle scuole può avere un effetto differente sulle donne, le quali forniscono la maggior parte dell’assistenza all’interno delle famiglie, con conseguente limitazione del loro lavoro e delle opportunità economiche.
  • Rischio di deterioramento della salute fisica e mentale delle persone vulnerabili, ad esempio gli anziani e le persone con disabilità, se gli operatori sanitari vengono messi in quarantena e se altre cure/ supporto non sono garantite.

Lavoratori in prima linea durante l’epidemia da Covid 19

Inoltre, i lavoratori in prima linea (inclusi infermieri, medici, conducenti di ambulanze, identificatori di casi e altri) possono sperimentare ulteriori fattori di stress durante l’epidemia di COVID-19:

  • Stigmatizzazione verso coloro che lavorano con i pazienti COVID-19 e i loro cadaveri;
  • Misure rigorose di biosicurezza:
    • Sforzo fisico dei dispositivi di protezione
    • Isolamento fisico che rende difficile fornire conforto a qualcuno che e malato o in difficoltà
    • Costante consapevolezza e vigilanza
    • Procedure rigorose da seguire per prevenire la spontaneità e l’autonomia
  • Maggiori esigenze nell’ambiente di lavoro, tra cui lunghi orari di lavoro, aumento del numero di pazienti e aggiornamento sulle migliori pratiche man mano che le informazioni su COVID-19 si sviluppano;
  • Ridotta capacità di utilizzare il supporto sociale a causa di intensi programmi di lavoro e stigmatizzazione all’interno della comunità verso i lavoratori in prima linea;
  • Insufficiente capacità personale o di attuare una cura di base di sé, soprattutto tra le persone che vivono con una disabilità;
  • Informazioni insufficienti sull’esposizione a lungo termine a soggetti infetti da  COVID-19;
  • Paura che i lavoratori in prima linea passino COVID-19 ai loro amici e familiari a  causa del loro lavoro.

Conseguenze a lungo termine

La paura, la preoccupazione, le incertezze e i fattori di stress costanti nella popolazione durante l’epidemia di COVID-19 possono portare a conseguenze a lungo termine all’interno delle comunità, delle famiglie e degli individui vulnerabili:

  • Deterioramento dei social network, dinamiche locali ed economie;
  • Stigmatizzazione dei pazienti sopravvissuti con conseguente rifiuto da parte delle comunità;
  • Possibile maggiore stato emotivo, rabbia e aggressività nei confronti del governo e  dei lavoratori in prima linea;
  • Possibile rabbia e aggressività contro figli, coniugi, partner e familiari (aumento della violenza familiare e intima da parte del partner);
  • Possibile sfiducia nei confronti delle informazioni fornite dal governo e da altre Autorità;

Le persone con problemi di salute mentale e di consumo di sostanze in via di  sviluppo o esistenti che presentano recidive e altri esiti negativi perché evitano le strutture sanitarie o non sono in grado di accedere ai loro fornitori di cure. Alcune di queste paure e reazioni nascono da pericoli realistici, ma molte reazioni e comportamenti sono anche a causa della mancanza di conoscenza, delle voci e della disinformazione.

Stigma sociale e discriminazione

Lo stigma sociale e la discriminazione possono essere associati a COVID-19, anche nei confronti di persone che sono state infette, i loro familiari, l’assistenza sanitaria e gli altri lavoratori in prima linea. Devono essere prese misure per affrontare la stigmatizzazione e la discriminazione in tutte le fasi della risposta all’emergenza COVID-19. Si dovrebbe fare attenzione a promuovere l’integrazione delle persone che sono state colpite da COVID-19

Esperienze positive

Su una nota più positiva, alcune persone possono avere esperienze positive, come l’orgoglio di trovare modi per affrontare la situazione e la resilienza. Di fronte al disastro, i membri della comunità spesso mostrano grande altruismo e cooperazione, e le persone possono provare grande soddisfazione nell’aiutare gli altri.

Esempi di attività della comunità potrebbero includere:

  • Mantenere un contatto sociale con persone che potrebbero essere isolate usando telefonate, messaggi di testo e la radio;
  • Condividere i messaggi chiave all’interno della comunità, specialmente con le persone che non usano i social media;
  • Fornire assistenza e supporto alle persone che sono state separate dalle loro famiglie e dai caregiver.

Contatta i professionisti del Centro InTerapia per fissare un colloquio, tramite mail info@centrointerapia.it o chiamando ai numeri 039 229 8136 o 375 56 81 922

FONTI:

  • www.salute.gov.it
  • IASC Reference Group on Mental Health and Psychological Support in Emergency Setting, WHO
5/5 - (1 vote)
Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter