La vigoressia condivide alcuni degli stessi sintomi di altri disturbi come l’anoressia nervosa ed è un tipo di dismorfofobia corporea.

La vigoressia sembra essere in aumento, soprattutto tra i giovani adulti. Vediamo insieme i sintomi, i fattori di rischio, le strategie di coping e i trattamenti disponibili per la dismorfofobia muscolare.

La vigoressia è definita dal Manuale diagnostico e statistico (DSM-5) come un disturbo di dismorfofobia corporea che scatena una preoccupazione per l’idea che il corpo sia troppo piccolo o non abbastanza muscoloso.

Quando si soffre di vigoressia, ci si fissa sul pensiero che ci sia qualcosa di sbagliato nell’aspetto del proprio corpo. Questo può influenzare il comportamento.

La dismorfia muscolare può avere molte sembianze, tra cui:

  • trascorrere ore in palestra, spingendo il proprio corpo ben oltre i suoi limiti, per poi sentirsi obbligati a tornare e rifarlo il giorno dopo
  • seguire diete per ridurre il peso e aumentare i muscoli che sembrano non avere mai fine
  • odiare il corpo in cui si vive e sentire che le carenze percepite del proprio corpo sono altrettanto chiare a chiunque ci veda.

Se non trattata, la vigoressia può aggravarsi e portare a:

  • abuso di steroidi
  • depressione
  • pensieri di suicidio

Anche altre condizioni di salute mentale, come il disordine alimentare e il disturbo ossessivo-compulsivo, possono avere un ruolo in questa condizione.

Nella comunità medica si discute ancora se la vigoressia debba essere classificata semplicemente come un disturbo da dismorfofobia corporea o se abbia più a che fare con i disturbi alimentari o le dipendenze.

Quali sono i sintomi della vigoressia?

La vigoressia è principalmente una condizione psicologica, anche se può manifestarsi in modi fisici.

Una persona affetta da vigoressia potrebbe manifestare alcuni dei seguenti sintomi:

  • ossessione per l’aspetto esteriore, talvolta chiamata mirror checking
  • una fissazione per le diete e integratori alimentari
  • uso di farmaci e steroidi in relazione alla forma fisica
  • insoddisfazione per il proprio aspetto che porta a uno stato d’animo depresso o alla rabbia.

Molti sintomi della vigoressia possono sembrare relativamente normali. Ma quando si spinge il proprio corpo a raggiungere obiettivi di forma fisica che sembrano sempre fuori portata, potrebbe esserci qualcosa di più del semplice desiderio di essere in forma.

Esistono fattori di rischio per lo sviluppo della vigoressia?

Non è sempre chiaro chi possa soffrire di vigoressia.

Alcune esperienze di vita e fattori psicologici sottostanti possono rendere più probabile la dismorfia corporea.

Sia le donne che gli uomini possono soffrire di dismorfia muscolare. Le esperienze negative vissute durante l’infanzia, come il bullismo oppure le critiche per la propria taglia, possono avere un ruolo nella comparsa di questa condizione.

Uno studio del 2019 condotto su oltre 14.000 giovani ha rilevato che il 22% dei maschi e il 5% delle femmine hanno riferito di avere modelli alimentari disordinati legati all’esercizio fisico e alla muscolatura.

Lo stesso studio ha anche rilevato che la presenza di altre condizioni di salute mentale può aumentare il rischio di vigoressia. Anche le persone che praticano bodybuilding, alcuni sport o comunità di wrestling hanno maggiori probabilità di soffrire di questa condizione.

Esistono trattamenti per la vigoressia?

Se soffrite di vigoressia, potreste essere alla ricerca di metodi per controllare i vostri sintomi.

Anche se ci sono alcune cose che si possono fare a casa, potrebbe essere necessario rivolgersi a un professionista della salute mentale per trattare la propria condizione.

È possibile iniziare a trattare la dismorfia muscolare oggi stesso apportando dei cambiamenti, tra cui

  • limitare l’esercizio fisico e le attività di sollevamento pesi a 30 minuti o un’ora al giorno
  • interrompere l’uso di steroidi, frullati proteici e integratori per il fitness
  • eliminare dai propri dispositivi i tracker di calorie e le app per il fitness
  • identificare e affrontare altri comportamenti che possono contribuire alla vostra condizione, tra cui il purging, le abbuffate, il fumo e l’uso massiccio di alcol.

Trattamenti medici

Potreste anche voler parlare dei vostri sintomi con un professionista della salute mentale, soprattutto se la dismorfofobia muscolare ha un impatto sulle vostre relazioni e vi fa pensare all’autolesionismo.

Questi trattamenti possono includere

  • terapia cognitivo-comportamentale (CBT) per identificare gli schemi di pensiero e cambiare il modo di reagire del cervello
  • terapia dell’esposizione/prevenzione del rischio (E/RT) per aiutarvi a trovare modi alternativi per affrontare le preoccupazioni negative
  • riqualificazione percettiva per cambiare il modo in cui vedete il vostro corpo.

Se la dismorfia muscolare è associata ad altre condizioni di salute mentale, il medico può consigliare un farmaco come un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI) per aiutare a stabilizzare l’umore durante il trattamento.

Come posso affrontare la vigoressia?

Convivere con la vigoressia significa trovare strategie di coping che funzionino.

Queste strategie possono aiutarvi a gestire i sintomi e a dare un senso di controllo:

  • Partecipare a gruppi di recupero e di sostegno per persone con dismorfia corporea.
  • Praticare esercizi di meditazione e respirazione profonda.
  • Trascorrere il tempo attivo all’aria aperta invece che in palestra.
  • Tenere un diario dove annotare i sintomi e le sensazioni che si provano.

Identificate i fattori scatenanti del disturbo al fine di prevenirli ogni volta che potete. Un fattore scatenante può essere qualsiasi cosa, da un film in cui le persone hanno l’aspetto che pensate di dover avere a una persona che critica il vostro corpo.

Non siete affatto soli a convivere con la vigoressia, sia che siate voi o qualcuno che conoscete a sperimentare questi sintomi.

Si stima che 1 persona su 50 soffra di dismorfia corporea. Un documentario intitolato “Bigorexia” ha fatto luce sul modo in cui la dismorfia muscolare influisce sulla comunità dei bodybuilder professionisti.

Parlare con un amico, un familiare o una persona di fiducia delle proprie esperienze con la vigoressia può essere un primo passo utile per riprendere il controllo della propria vita dall’ossessione di apparire in un certo modo.

Riferimenti Utili

Body dysmorphic disorder. (n.d.).
adaa.org/understanding-anxiety/related-illnesses/other-related-conditions/body-dysmorphic-disorder-bdd

Body dysmorphic disorder. (2019).
mayoclinic.org/healthy-lifestyle/fitness/expert-answers/exercise/faq-20057916

Cafri G, et al. (2008). Symptom characteristics and psychiatric comorbidity among males with muscle dysmorphia. DOI:
10.1016/j.comppsych.2008.01.003

Substance Abuse and Mental Health Services Administration. (2016). Table 23: DSM-IV to DSM-5 Body Dysmorphic Disorder Comparison. DSM-5 Changes: Implications for child serious emotional disturbance.
ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK519712/table/ch3.t19/

Foster A, et al. (2015). Muscle dysmorphia: Could it be classified as an addiction to body image?
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4394845/

Laskowski ER. (2019). How much should the average adult exercise every day?
mayoclinic.org/healthy-lifestyle/fitness/expert-answers/exercise/faq-20057916

Leone J, et al. (2005). Recognition and treatment of muscle dysmorphia and related body image disorders.
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1323298/

Murray SB, et al. (2008). Muscle dysmorphia and the DSM-V conundrum: Where does it belong?
onlinelibrary.wiley.com/doi/pdf/10.1002/eat.20828

Nagata JM, et al. (2019). Predictors of muscularity-oriented disordered eating behaviors in U.S. young adults: A prospective cohort study.
onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/eat.23094

Articolo a cura della dottoressa Deborah Vlatockovic

5/5 - (1 vote)
Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter