Home » Articoli di Psicologia » Come funziona la Psicoterapia

Come funziona la Psicoterapia

Articolo di Annarita Scarola

4 Mar 19

 

La psicoterapia è un trattamento psicologico che utilizza la relazione tra terapeuta e paziente per apportare cambiamenti nella vita di quest’ultimo, alleviando in modo stabile alcune forme di sofferenza emotiva e aiutando la persona a vivere meglio.

Lo scopo della psicoterapia è il cambiamento, che passa attraverso una maggiore consapevolezza di sé, dei propri pensieri, delle proprie emozioni, dei propri comportamenti, dei propri bisogni, del proprio modo di vedere se stessi, gli altri e il mondo, del proprio modo di relazionarsi con gli altri. Attraverso la relazione terapeutica come strumento, la persona apprende modi nuovi di stare al mondo e scopre risorse personali e strategie che le consentono di far fronte al proprio disagio in modo più efficace, sperimentando un maggiore benessere e riducendo la sofferenza che l’ha spinta a chiedere aiuto.

La psicoterapia è un trattamento basato sull’uso della parola, sul dialogo e sul confronto.

Psicoterapeuta e paziente si siedono uno di fronte all’altro (l’uso del lettino è ormai superato per la maggior parte degli orientamenti di psicoterapia) e parlano di un argomento che, di solito, viene portato dal paziente stesso. Può essere qualcosa che riguarda la sintomatologia manifestata (per esempio sintomi ansiosi o tipici della depressione), oppure può parlare delle difficoltà che sta vivendo in ambito relazionale, familiare, lavorativo, di conflitti che non riesce a gestire, di situazioni particolarmente stressanti che sta attraversando o della propria sofferenza emotiva.

Il compito del terapeuta sarà quello di aiutare il paziente a comprendere, a partire dalla sua storia di vita (relazioni significative avute durante l’infanzia o l’adolescenza, il rapporto con i genitori, eventuali traumi subiti), come certe dinamiche di funzionamento si sono sviluppate e poi mantenute nel tempo, come mai ad un certo punto non si sono più rilevate funzionali e come ci si può comportare o si può pensare in modo alternativo, con la finalità di alleviare la sua sofferenza emotiva e migliorare la sua qualità di vita.

Schemi di funzionamento poco efficaci e poco sani infatti diventano spesso talmente rigidi ed automatici che il paziente, senza l’aiuto di un professionista, fa fatica a riconoscere e mettere in discussione.

Dunque lo psicoterapeuta proporrà poi modelli alternativi di relazionarsi con se stessi, con gli altri e col futuro, rendendo il paziente capace di fare scelte orientate al proprio benessere e di affrontare con adeguate strategie e risorse le varie fatiche del vivere quotidiano, che pur continueranno a presentarsi. Lo psicoterapeuta è infatti una persona empatica e dotata di intuito, capace di comprendere il paziente, di mettersi nei suoi panni, di farlo sentire accolto e accettato in tutto quello che prova, pensa e dice e di cogliere in quali aree di funzionamento è necessario favorire il cambiamento.

È importante che il terapeuta informi il paziente su come funziona la psicoterapia, sulle diverse fasi del trattamento e che lo renda partecipe degli obiettivi che si desiderano raggiungere, che vengono per questo concordati insieme: in ogni fase del processo il paziente deve sapere dove si trova, cosa sta accadendo e dove si sta andando.

Inoltre il paziente non è un soggetto passivo che si pone in una posizione di sottomissione rispetto al terapeuta (come nel tradizionale rapporto medico-paziente) ma viene reso attivo e partecipe del processo: il cambiamento infatti non dipende solo dalle varie tecniche che il terapeuta propone durante la psicoterapia ma anche da quanto il paziente si apre, si fida dello psicoterapeuta e segue le sue indicazioni (per esempio alcuni orientamenti di psicoterapia prevedono che vengano assegnati dei compiti a casa).

Esistono diversi orientamenti di psicoterapia che però hanno alcuni aspetti in comune: è necessaria una relazione di fiducia reciproca tra terapeuta e paziente, costanza nei colloqui, una condivisione di vissuti emotivi da parte del paziente e il coraggio di conoscere se stessi.

In particolare la psicoterapia cognitivo comportamentale spiega il disagio attraverso una complessa relazione tra emozioni, pensieri e comportamenti.

Il significato che attribuiamo agli eventi che ci accadono e i giudizi che rivolgiamo agli altri e a noi stessi sono la fonte delle nostre emozioni. La sofferenza nasce nel momento in cui si provano emozioni spiacevoli come ansia, depressione, rabbia, colpa o vergogna e quando queste emozioni, a causa della loro elevata durata e intensità, diventano intollerabili.

Queste emozioni dolorose a loro volta possono essere la causa di comportamenti disfunzionali che possono essere di sollievo nel breve termine, ma a lungo andare possono diventare fonte di ulteriore sofferenza e compromettere il funzionamento sociale, lavorativo o affettivo (come per esempio l’uso di sostanze, l’abuso di alcol, abbuffate o restrizione alimentare, ritiro sociale, ripetizione compulsiva di determinate azioni, procrastinazione o evitamento di luoghi o persone).

Dunque la psicoterapia cognitivo comportamentale agisce in modo attivo su pensieri, emozioni e comportamenti riducendo la sofferenza che ne deriva, migliorando la qualità della vita del paziente e aiutandolo a raggiungere i propri obiettivi.

Quindi possiamo affermare che gli obiettivi della psicoterapia sono:

  • Permettere alla persona di comprendere cosa prova e cosa desidera, esprimendo in modo adeguato ed efficace le proprie emozioni e i propri bisogni;
  • Modificare gli schemi rigidi e patologici di funzionamento;
  • Vivere le relazioni affettive in modo soddisfacente, tollerando anche che si possano provare emozioni ambivalenti verso le persone che si amano;
  • Rispettare se stessi e gli altri;
  • Accettare se stessi, la propria storia e le proprie fatiche, perdonando se stessi per gli errori commessi e per le occasioni perse;
  • Elaborare lutti e traumi passati;
  • Sviluppare un atteggiamento di fiducia e speranza verso gli altri e il futuro;
  • Scoprire risorse e capacità proprie e degli altri che prima non si conoscevano;
  • Mettere in atto comportamenti più efficaci al fine di raggiungere i propri obiettivi.

Articolo scritto dalla dr.ssa Annarita Scarola, Psicologa e Psicoterapeuta

5/5 - (2 votes)
Fissa un incontro con Annarita Scarola

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter