Home » Articoli di Psicologia » Cosa sta cercando di dirci la gelosia

Cosa sta cercando di dirci la gelosia

Articolo di Centro Interapia

5 Lug 22

La gelosia è una sensazione spiacevole. Ma come ogni emozione, ci fornisce delle informazioni.

La gelosia comporta sensazioni di paura dove possono esserci anche dei pensieri preoccupanti di una potenziale perdita. In genere, la gelosia è una reazione emotiva attivata dall’interesse reale o previsto per un’altra persona da parte di qualcuno a cui teniamo. Quando una terza persona rappresenta una minaccia per il legame che esiste in una coppia, possiamo sentirci insicuri, rifiutati, preoccupati, arrabbiati o dubbiosi, oltre a una serie di altri sentimenti indesiderati.

L’emozione della gelosia è un derivato della vergogna. Ci informa di un ostacolo al legame tra noi e la persona amata, mettendoci in guardia da una minaccia per la relazione. La potenziale disconnessione sperimentata nella gelosia comporta spesso un confronto sociale. Quando si prova gelosia, si può pensare che qualcun altro riceva l’attenzione o l’adorazione che si desidera per sé. 

In qualche modo, l’altra persona appare più desiderabile.

Questo è il dramma della vergogna e dell’orgoglio, in cui domina la diminuzione dell’orgoglio. Di conseguenza, si può ricorrere a una o più delle tipiche risposte di coping e di difesa alla vergogna della gelosia, che possono comportare il ritiro, l’evitamento, l’attacco a se stessi o all’altro. 

Una risposta al sentimento della gelosia che prevede l’attacco agli altri può sfociare in un comportamento aggressivo e offensivo. Si può desiderare di ferire la persona che è un rivale geloso e comportarsi in modo da controllare la persona di cui si teme di perdere il legame. Queste inclinazioni all’approccio possono manifestarsi in comportamenti volti a rompere il legame minaccioso o a ristabilire la relazione primaria. 

Quando si reagisce alla gelosia attaccando gli altri, si può arrivare a comportamenti aggressivi e offensivi. Si può desiderare di ferire la persona che è un rivale geloso e comportarsi in modo da controllare la persona di cui si teme di perdere il legame. Queste inclinazioni all’approccio possono manifestarsi in comportamenti volti a rompere il legame minaccioso o a ristabilire la relazione primaria.

Diventare evitanti quando si è gelosi, ad esempio, può portare ad un abuso di alcol o droghe per alleviare i propri sentimenti. Attraverso l’astinenza, si può sperare che la persona con cui si ha una relazione se ne accorga e ristabilisca il legame. Attaccare se stessi può portare a tutti i tipi di comportamenti autolesionistici. Sebbene le risposte difensive alla gelosia rappresentino un tentativo di proteggere l’autostima e di preservare un legame che si percepisce come spezzato, possono portare alla depressione o alla solitudine.

La gelosia può accecarci. La percezione di una minaccia in una relazione può indurre ansia che porta all’insicurezza, rendendoci sensibili agli indizi emotivi negativi e influenzando il nostro modo di vedere il mondo. Inoltre, l’incertezza su una relazione e la paura della vergogna possono portare a una preoccupazione ossessiva per il suo stato. Se non c’è abbastanza sicurezza nel rapporto di coppia, o se si è sperimentata una perdita o un abbandono nell’infanzia che interferisce con il senso di sicurezza, può essere difficile superare un’esperienza di gelosia basata sulla vergogna.

Molte situazioni in cui si scatenano sentimenti di gelosia possono avere poco a che fare con le qualità di un’altra persona o con l’interesse che il partner può avere per un’altra persona. Possono invece avere a che fare con la propria percezione di sé che viene amplificata dal comportamento del partner nei confronti di una terza persona. Poiché la gelosia implica un confronto, la persona che prova l’emozione della gelosia pensa di non essere all’altezza.

Le emozioni si sono evolute per informarci. Sperimentare la tossicità della gelosia offre una rara opportunità di insegnamento. Possiamo porci alcune domande, invece di essere ostacolati dalla nostra risposta all’emozione. Per esempio, state percependo che vi manca qualche qualità che vorreste sviluppare per voi stessi? State provando gelosia perché volete dalla vostra relazione qualcosa di più di quello che la relazione può darvi? Come percepite voi stessi e ciò che state facendo nella vostra vita rispetto agli altri?

La gelosia ci offre l’opportunità di guardarci dentro, di considerare ciò che vogliamo per noi stessi, di riflettere su come vogliamo essere trattati dagli altri e di pensare a cosa fare per ottenere queste informazioni.

References

[1] Nathanson, D. (1992). Shame and Pride: Affect, Sex, and the Birth of the Self. New York: Norton.

[2] Harris, C. (2003). A review of sex differences in sexual jealousy, including self-report data, psychophysiological responses, interpersonal violence, and morbid jealousy. Personality and Social Psychology Review, 7, 102–128.

[3] Most, S., Laurencau, J., Graber, E., Belcher, A., & Smith, C. (2010). Blind Jealousy? Romantic insecurity increases emotion-induced failures of visual perceptions. Emotion, 10, 250-256.

Articolo di scritto dalla dott.ssa Deborah Vlatkovic psicologa presso il centro di psicologia Interapia di Rho

5/5 - (1 vote)
Fissa un incontro con Centro Interapia

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter