La dipendenza affettiva o love addiction rientra nelle nuove dipendenze comportamentali, come il gioco d’azzardo patologico, la dipendenza da internet, la dipendenza da sesso, lo shopping compulsivo e la dipendenza da lavoro.

Un certo grado di dipendenza all’interno delle relazioni amorose è fisiologico, soprattutto nella fase iniziale dell’innamoramento, in cui la passione e il bisogno di intimità sono particolarmente forti.

Tuttavia quando il bisogno di vicinanza dell’altro diventa pervasivo, tanto da diventare una necessità assoluta fino a provare forti sensazioni di angoscia, vuoto e malessere in assenza del partner, la relazione amorosa diventa patologica.

I componenti della coppia infatti non si percepiscono più come individui separati che condividono degli aspetti di vita, ma i bisogni della persona dipendente vengono completamente soffocati: l’obiettivo diventa piuttosto la soddisfazione dei bisogni del partner, compiendo notevoli sforzi per evitare un abbandono da parte sua, evento temuto e impensabile.

Il dottor Reynaud, professore di psichiatria presso l’Ospedale universitario di Clermont-Ferrand, definisce la dipendenza affettiva un modello problematico della relazione d’amore che porta a deterioramento o angoscia clinicamente significativa.

 

I sintomi della dipendenza affettiva sono i seguenti:

  • sindrome da astinenza per l’assenza del partner, caratterizzata da significativa sofferenza e un bisogno compulsivo dell’altro;
  • notevole quantità di tempo investito per questa relazione, sia in realtà sia nel pensiero;
  • riduzione della quantità di tempo impiegata in attività sociali, professionali o di svago;
  • persistente desiderio o sforzi infruttuosi di ridurre le energie e il tempo spesi nella relazione affettiva;
  • ricerca della relazione, nonostante i problemi creati dalla stessa;
  • difficoltà a mantenere una relazione nel tempo, in quanto la persona dipendente rimane coinvolta in ripetute relazioni amorose dolorose, che non hanno però una durata significativa nel tempo.

Dunque la dipendenza affettiva è una condizione patologica caratterizzata da un bisogno urgente e incontrollabile dell’altro:  questo porta inevitabilmente alla costruzione di una relazione problematica, caratterizzata da una costante e persistente ricerca di vicinanza e da estenuanti tentativi di mantenere il legame, nonostante la consapevolezza delle conseguenze negative.

 

I tratti di personalità tipici di un dipendente affettivo sono:

 

  • un pervasivo senso di inadeguatezza e indegnità,
  • terrore di essere rifiutato o abbandonato, che lo porta ad essere costantemente sottomesso, accudente e disponibile all’interno della relazione, fino a sacrificare e annientare totalmente i propri bisogni;
  • una bassa autostima e convinzione di non avere valore;
  • tendenza a colpevolizzarsi e sacrificarsi per l’altro;
  • fatica a prendere decisioni in autonomia, cercando sempre il parere degli altri;
  • difficoltà a stare da soli.

Questo dà vita ad un circolo relazionale disfunzionale per cui l’indifferenza o la scarsa presenza del partner non vengono lette come informazioni sull’altro (“E’ un narcisista incapace di rispondere ai miei bisogni”) ma su di sé (“Se si allontana è perché non sono degno di amore”).

Talvolta, la rabbia che il dipendente affettivo prova in seguito ad un’ingiustizia subita dal partner può portarlo temporaneamente a desiderare di chiudere la relazione, ma inevitabilmente i sintomi dell’astinenza (depressione, solitudine, angoscia, ansia, sensazione di vuoto) lo spingono a perdonare il partner e a giustificarlo, perpetrando così il circolo vizioso della relazione patologica.

I dipendenti affettivi sono portatori di un’estrema sofferenza a causa del loro sentirsi continuamente umiliati, annientati e sottomessi all’altro, con la consapevolezza nonostante ciò di non poterne fare a meno.

E’ dunque importante affrontare il problema con un adeguato percorso di psicoterapia, al fine di comprendere le cause che hanno condotto a tale comportamento di dipendenza e risolvere il disagio presente, imparando a riconoscere il proprio valore e apprendendo modi più funzionali di stare in una relazione affettiva.

Articolo scritto dalla dr.ssa Annarita Scarola, Psicologa  Psicoterapeuta

Reynaud, M. Karila, L., Blecha, L., & Benyamina, A., (2010). Is love passion an addictive disorder? American Journal of Drug and Alcoholic Abuse, 36(5), 261-267.

 

 

Guarda il video di approfondimento sulle dipendenze affettive

dottoressa annarita scarola psicologa

dott.ssa Annarita Scarola

inizia la sua attività terapeutica nell’ambito della disabilità grave e del fine vita, effettuando sostegno psicologico ai malati di SLA e accompagnamento alla morte. Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale.

psicologo saronno

dott. Simone Sottocorno

inizia la sua attività di Psicologo nel contesto della Tutela Minorile, in cui matura un’esperienza significativa con ragazzi adolescenti e le loro famiglie, sino a diventare Responsabile dei Servizi Educativi Domiciliari

dottssa-laura-grigis_psicologa

dott.ssa Laura Grigis

inizia la sua attività come psicologa nell’ambito del sostegno e potenziamento delle abilità scolastiche, anche in situazioni di Disturbo Specifico dell’Apprendimento. Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

elena cristina psicologa

dott.ssa Elena Cristina

inizia la sua attività clinica occupandosi di psicologia dell’invecchiamento sano e patologico, neuropsicologia e psicologia del malato oncologico (psico-oncologia). Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

5/5 - (11 votes)
Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter