Ti sei mai trovato ad ansimare o persino a entrare in panico quando non riuscivi a trovare il tuo telefono? Ti riempie di terrore l’idea di essere bloccato in un luogo isolato senza servizio cellulare? In tal caso, potresti avere alcuni dei sintomi della nomofobia.

I telefoni cellulari sono diventati una parte ubiqua della vita moderna. Non solo servono come strumento di comunicazione, ma fungono anche da strumento di rete sociale, organizzatore personale, strumento di shopping online, calendario, sveglia e banca mobile. Non c’è dubbio che siano dispositivi utili, ma alcuni suggeriscono che la eccessiva dipendenza dai dispositivi digitali possa essere una forma di dipendenza comportamentale.

Infatti, il termine nomofobia è stato coniato abbastanza di recente per descrivere la paura di essere senza il proprio telefono. Questo include non solo perdere, dimenticare o rompere il telefono, ma anche essere al di fuori del contatto telefonico mobile. È una preoccupazione crescente in un mondo in cui sembra più importante che mai essere sempre connessi. Quando le persone perdono il loro telefono, quando il loro cellulare si scarica o quando si trovano in un’area senza copertura cellulare, può portare a sentimenti di stress e ansia, o addirittura a sensazioni di paura o panico.

Questa paura di essere senza un dispositivo mobile è spesso considerata un segno di uso problematico dei dispositivi digitali, che alcuni esperti ritengono possa avere un impatto negativo sulla salute mentale e sul benessere.

L’origine della Nomofobia

La nomofobia è una forma abbreviata di “fobia del non-telefono-mobile”. Il termine è stato coniato per la prima volta in uno studio del 2008 commissionato dall’Ufficio Postale del Regno Unito. In un campione di oltre 2.100 adulti, lo studio ha indicato che il 53% dei partecipanti ha sperimentato la nomofobia. La condizione è caratterizzata da sentimenti di ansia quando le persone perdono il loro telefono, si scarica la batteria o non c’è copertura cellulare.

Lo studio ha rivelato che questa paura può essere così potente che molte persone non spengono mai i loro telefoni, nemmeno di notte o durante i periodi in cui non li useranno. Quando sono stati chiesti il motivo per cui non spegnevano mai i loro telefoni, il 55% ha citato la necessità di rimanere in contatto con la famiglia e gli amici, il 10% ha detto di aver bisogno di essere raggiungibili per motivi di lavoro e il 9% ha riferito che spegnere il telefono li faceva sentire ansiosi.

La paura di perdere qualcosa è forse ciò che porta molte persone a dichiarare che risponderebbero a una chiamata o a un messaggio anche se fossero impegnate in qualcos’altro. Lo studio ha rivelato che le persone erano spesso disposte a interrompere le attività quotidiane per rispondere a una chiamata. La maggior parte delle persone (80%) era disposta a rispondere a una chiamata mentre guardava la televisione, il 40% avrebbe risposto al telefono mentre mangiava, e l’18% sarebbe stato disposto a rispondere al telefono quando era a letto con un’altra persona.

Quanto è Comune?

Sebbene la ricerca sul fenomeno sia ancora limitata, i risultati disponibili suggeriscono che la nomofobia sia piuttosto comune. Uno studio condotto su studenti in India ha scoperto che più del 22% dei partecipanti mostrava segni gravi di nomofobia.

Circa il 60% di coloro che hanno partecipato allo studio aveva segni moderati della condizione.

Sintomi della Nomofobia

Una fobia è un tipo di disturbo d’ansia caratterizzato da una paura irrazionale di un oggetto o di una situazione. In questo caso, la paura è quella di essere senza il telefono o fuori dalla portata del servizio telefonico cellulare.

Sebbene la nomofobia non sia una diagnosi clinica, alcuni dei sintomi comunemente identificati come correlati a questa paura includono:

  • L’incapacità di spegnere il telefono
  • Il controllo costante del telefono per messaggi, email o chiamate perse
  • Caricare la batteria anche quando il telefono è quasi completamente carico
  • Portare il telefono ovunque, persino in bagno
  • Controllare ripetutamente di avere il telefono
  • Paura di essere senza Wi-Fi o di non poter accedere a una rete dati cellulare
  • Preoccupazione per eventi negativi e incapacità di chiamare aiuto
  • Stress per la disconnessione dalla propria presenza o identità online
  • Saltare attività o eventi pianificati per passare del tempo sul dispositivo mobile

Oltre ai sintomi emotivi e cognitivi, le persone possono sperimentare anche sintomi fisici. Le persone potrebbero respirare più velocemente, aumenta il battito cardiaco, sudare di più e potrebbero tremare o tremolare. Potrebbero anche cominciare a sentirsi deboli o stordite. Nei casi gravi, questi sintomi di paura possono sfociare in attacchi di panico.

Caratteristiche della Nomofobia

In uno studio del 2015, i ricercatori hanno identificato alcune dimensioni chiave della nomofobia. La paura di essere senza un telefono riguarda:

  • Non essere in grado di comunicare con gli altri
  • Sentirsi generalmente disconnessi
  • Non essere in grado di accedere alle informazioni
  • Rinunciare a un comodità

Le persone con questa fobia controllano costantemente i loro telefoni, portano i loro telefoni ovunque vadano (compresa la doccia e il bagno), trascorrono molte ore al giorno usando i loro telefoni e provano sentimenti di impotenza quando sono separati dai loro telefoni.

Gli studi hanno dimostrato che un uso frequente o compulsivo del telefono cellulare è collegato a un aumento dello stress, dell’ansia e della depressione. L’uso eccessivo del telefono è stato associato a una serie di effetti negativi, tra cui diminuzione dei voti, aumento dell’ansia, minor soddisfazione nella vita e un minore senso di benessere generale.

Perché Non Possiamo Fare a Meno dei Nostri Telefoni

Ci sono diverse ragioni per cui le persone sperimentano i sintomi della nomofobia.

L’utilità dei telefoni cellulari svolge un ruolo chiave in questa paura di non avere il proprio telefono. Gli smartphone sono in grado di fare così tanto; le persone li usano per rimanere in contatto, per cercare informazioni che li interessano, per condurre affari, per rimanere organizzati, per condividere informazioni personali e persino per gestire il denaro.

Poiché le persone si rivolgono ora ai loro telefoni per così tante attività importanti, non è forse sorprendente che abbiano paura di restare senza i loro dispositivi. Essere senza il proprio telefono può far sentire le persone tagliate fuori e isolate da aspetti importanti della loro vita, tra cui amici, famiglia, lavoro, finanze e informazioni.

Quantità di Utilizzo Quotidiano

Uno studio del 2014 pubblicato nel Journal of Behavioral Addictions ha scoperto che gli studenti universitari trascorrono fino a nove ore al giorno con il loro cellulare. I ricercatori suggeriscono che questo uso costante del cellulare rappresenti una sorta di paradosso della tecnologia. Gli smartphone possono essere allo stesso tempo liberatori e oppressivi. Le persone possono comunicare, raccogliere informazioni e socializzare, ma allo stesso tempo l’uso del cellulare può portare a una dipendenza che è sia restrittiva che stressante.

Familiarità con la Tecnologia

Il National Institute of Drug Abuse for Teens suggerisce che questa ansia da separazione dal cellulare possa essere più comune tra adolescenti e giovani adulti. Le persone di questa fascia d’età sono per lo più nativi digitali, il che significa che sono nate e cresciute nell’era della tecnologia digitale. Poiché hanno avuto esperienze precoci con computer, internet e cellulari, questi dispositivi sono spesso una parte integrante della loro vita quotidiana.

Riconoscere la Nomofobia

È importante notare che, sebbene molte persone riferiscano di provare ansia o paura nell’essere senza il loro telefono, la nomofobia non è ufficialmente riconosciuta come un disturbo dal Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5-TR).

Questo tipo di paura potrebbe soddisfare i criteri per una fobia specifica legata a una situazione a seconda dei sintomi e della presentazione. Una fobia specifica è caratterizzata da una paura irragionevole ed eccessiva e da una risposta di paura esagerata fuori proporzione alla minaccia effettiva.

I ricercatori hanno sviluppato il Questionario sulla Nomofobia (NMP-Q) per valutare i sintomi della nomofobia, e gli studi suggeriscono che il questionario sia una misura utile della paura di restare senza un cellulare.

Il questionario chiede ai partecipanti di valutare quanto fortemente concordino o dissentano da affermazioni come:

“Mi sentirei a disagio senza un accesso costante alle informazioni tramite il mio smartphone”

“Rimanere senza batteria nel mio smartphone mi spaventerebbe”

“Mi sentirei ansioso perché non potrei rimanere in contatto con la mia famiglia e/o i miei amici”

Uno studio ha scoperto che livelli più elevati di nomofobia misurati dal NMP-Q corrispondevano a livelli più alti di ossessione, suggerendo che la nomofobia potrebbe avere un alto grado di comorbilità con alcuni disturbi. Ad esempio, alcune altre ricerche suggeriscono che le persone con disturbi d’ansia e di panico potrebbero essere più propense a sviluppare la nomofobia.

Affrontare la Nomofobia

Se hai sintomi di nomofobia o se senti che l’uso del tuo telefono cellulare sta causando problemi nella tua vita, parlare con un professionista della salute mentale può aiutare. Sebbene non ci sia un trattamento specifico per la nomofobia, il tuo terapeuta potrebbe consigliarti la terapia di esposizione, la terapia cognitivo-comportamentale o entrambe per affrontare i tuoi sintomi. 

Terapia di Esposizione

La terapia di esposizione è una tecnica comportamentale in cui imparerai gradualmente a affrontare le tue paure. Nel caso della nomofobia, ti abituerai progressivamente a stare senza il tuo telefono. Potreste cominciare in modo molto ridotto (ad esempio, lasciando il telefono in un’altra stanza per un certo periodo di tempo) e poi passare progressivamente a periodi di tempo più lunghi senza il telefono (ad esempio, lasciandolo a casa mentre andate al negozio o spegnendolo mentre siete impegnati a fare qualcos’altro).

Terapia Cognitivo-Comportamentale

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è un processo che coinvolge l’affrontare i modelli di pensiero negativi e irrazionali che contribuiscono a comportamenti disadattivi. Il tuo terapeuta ti aiuterà a imparare a identificare questi modi di pensare e a sostituire questi pensieri con quelli più realistici e razionali.

Ad esempio, anziché pensare che perderai qualcosa di vitale importanza se non controlli il telefono per i messaggi ogni pochi minuti, la CBT ti aiuterà a ricordare che è improbabile che perderai qualcosa fintanto che controlli il telefono occasionalmente.

Se pensi di soffrire di nomofobia o se ritieni di passare troppo tempo sul tuo telefono, ci sono cose che puoi fare per gestire meglio l’uso del tuo dispositivo.

  • Stabilisci dei limiti. Crea delle regole per l’uso personale del tuo dispositivo. Ciò potrebbe significare evitare il tuo telefono mobile in determinati momenti della giornata, come durante i pasti o prima di andare a letto.
  • Trova un equilibrio. Può essere troppo facile utilizzare il telefono per evitare il contatto faccia a faccia con altre persone. Concentrati su avere interazioni personali con gli altri ogni giorno.
  • Fai delle pause brevi. Può essere difficile rompere l’abitudine al telefono cellulare, ma iniziare in modo graduale può rendere la transizione più facile. Inizia facendo piccole cose, come lasciare il telefono in un’altra stanza durante i pasti o quando sei impegnato in un’altra attività.
  • Trova altri modi per occupare il tuo tempo. Se scopri che stai usando il telefono in modo eccessivo per noia, cerca altre attività che possano distrarti dal tuo dispositivo. Prova a leggere un libro, fare una passeggiata, praticare uno sport o dedicarti a un hobby che ti piaccia.

La nomofobia è un problema in crescita insieme ad altre paure e dipendenze comportamentali legate all’uso della tecnologia. Dato quanto le persone dipendono dai loro telefoni cellulari per il lavoro, la scuola, le notizie, l’intrattenimento e la connessione sociale, può essere un problema estremamente difficile da superare.

Smettere di usare il cellulare del tutto non è realistico, ma imparare a stabilire limiti e confini su quanto permetti al tuo telefono di controllare la tua vita può aiutare. Prendersi occasionalmente una pausa dal telefono, impegnarsi in attività separate dal telefono e trovare distrazioni per mantenerlo occupato anziché utilizzarlo in modo automatico sono tutti buoni punti di partenza.

Bibliografia

  1. Bhattacharya S, Bashar MA, Srivastava A, Singh A. NOMOPHOBIA: NO MObile PHone PhoBIA. J Family Med Prim Care. 2019;8(4):1297–1300. doi:10.4103/jfmpc.jfmpc_71_19
  1. Farooqui IA, Pore P, Gothankar J. Nomophobia: an emerging issue in medical institutions?. J Ment Health. 2018;27(5):438-441. doi:10.1080/09638237.2017.1417564
  1. Yildirim C, Correia AP. Exploring the dimensions of nomophobia: Development and validation of a self-reported questionnaire. Computers in Human Behavior. 2015;49:130-137. doi:10.1016/j.chb.2015.02.059
  1. Lepp A, Barkley JE, Karpinski AC. The relationship between cell phone use, academic performance, anxiety, and satisfaction with life in college students. Computers in Human Behavior. 2014;31:343-350. doi:10.1016/j.chb.2013.10.049
  1. Roberts JA, Yaya LH, Manolis C. The invisible addiction: cell-phone activities and addiction among male and female college students. J Behav Addict. 2014;3(4):254–265. doi:10.1556/JBA.3.2014.015
  1. NIDA for Teens. Teens and “nomophobia”: cell phone separation anxiety.
  1. Lee S, Kim M, Mendoza JS, McDonough IM. Addicted to cellphones: exploring the psychometric properties between the nomophobia questionnaire and obsessiveness in college students. Heliyon. 2018;4(11):e00895. doi:10.1016/j.heliyon.2018.e00895
  1. King AL, Valença AM, Silva AC, Sancassiani F, Machado S, Nardi AE. “Nomophobia”: impact of cell phone use interfering with symptoms and emotions of individuals with panic disorder compared with a control group. Clin Pract Epidemiol Ment Health. 2014;10:28-35. doi:10.2174/1745017901410010028
  1. Bandelow B, Michaelis S, Wedekind D. Treatment of anxiety disorders. Dialogues Clin Neurosci. 2017;19(2):93–107.

Articolo scritto dalla dott.ssa Deborah Vlatkovic psicologa presso il centro di psicoterapia di Legnano, per chi volesse maggiori informazioni o prenotare una visita specialistica può trovare tutti i riferimenti nella nostra pagina dei contatti

Vota