Home » Articoli di Psicologia » La co-ruminazione

La co-ruminazione

Articolo di Centro Interapia

14 Giu 22

Quando ci troviamo in difficoltà possiamo mettere in atto diverse strategie, alcune più efficaci, altre meno.

Tra queste strategie rientrano i processi di rimuginio, ruminazione e co-ruminazione; mentre i primi due consistono in processi che la persona svolge individualmente, la co-ruminazione prevede la condivisione ed il coinvolgimento di altre persone. 

Rimuginio, ruminazione e co-ruminazione

Il rimuginio è una strategia di regolazione cognitiva che implica la costruzione mentale di scenari ipotetici negativi in condizioni di incertezza; è uno stile di pensiero negativo, ripetitivo, orientato al futuro, astratto, prevalentemente verbale e costoso in termini di risorse cognitive.

È caratterizzato quindi da negatività, ripetitività, percezione di incontrollabilità, contenuto verbale, astrattezza e dispendio di energie. La ruminazione è uno stile di pensiero analitico, ripetitivo, negativo, focalizzato sui propri problemi e sul proprio disagio e si tratta di uno sforzo di analizzare e comprendere cause e conseguenze di questo disagio.

Si focalizza su eventi passati negativi, è ripetitiva, percepita come incontrollabile, anch’essa di contenuto prevalentemente verbale (Caselli et al., 2017).

La co-ruminazione, invece, si riferisce al processo di impegnarsi in discussioni ripetute circa problemi personali nelle relazioni, specialmente amicali. Si tratta della discussione estesa e frequente con uno o più amici su emozioni negative legate a problemi personali, concentrandosi sul problema stesso, sulle possibili cause, conseguenze, soluzioni e sul vissuto sperimentato.

Alcuni esempi dei temi su cui può vertere la co-ruminazione sono una lite con il partner, problematiche lavorative oppure familiari, cercando di inquadrare il problema da ogni punto di vista, rimuginando sulle conseguenze negative e ruminando sulle emozioni generate dall’evento; un aspetto caratteristico della co-ruminazione è quello di essere una discussione del problema fine a se stessa, che non porta alla ricerca attiva di una soluzione (Spendelow, 2017; Carlucci et al., 2018). 

Gli effetti negativi della co-ruminazione

Mentre la condivisione sociale è una tipica risposta alle avversità e nel breve termine può fornire sollievo emotivo ed un senso di supporto e vicinanza, la co-ruminazione può arrivare ad amplificare le emozioni negative attraverso lo sviluppo di una spirale di pensieri ed emozioni negative che esauriscono le risorse cognitive ed emotive delle persone coinvolte (Knipfer e Kump, 2021).

La letteratura scientifica ha fornito una valutazione della relazione tra co-ruminazione e sintomi internalizzanti, come ansia e depressione, soprattutto in bambini, adolescenti e giovani adulti, dal momento che sembra essere una modalità di relazione e conversazione tipica delle fasce di età più giovani (Spendelow, 2017).

La co-ruminazione, pur essendo correlata alla percezione di maggiore vicinanza nel rapporto di amicizia, correla anche con l’aumento di sintomi ansioso-depressivi: proprio come la ruminazione o altre forme di pensiero perseverativo, è un processo che può creare vulnerabilità e sostenere o esacerbare disturbi psicologici (Carlucci et al., 2018).

Trovarsi ripetutamente nella situazione di ascoltare le problematiche altrui in modo co-ruminativo può diventare fonte di angoscia per entrambe le persone coinvolte. Chi condivide il proprio vissuto potrebbe risentire dell’eventuale posizione negativa dell’amico, essere distratto dal ricercare e mettere in atto esperienze positive potenzialmente più efficaci per superare il momento di difficoltà e rimanere “incastrato” nella ricerca di risposte che non può trovare, in una sorta di circolo di parole senza via d’uscita, che alimenta le emozioni negative; chi ascolta, invece, può sperimentare senso di impotenza, eccessivo coinvolgimento emotivo davanti alla sofferenza dell’altro, fino a risultare soggetto allo sviluppo di sintomi ansiosi o depressivi. Diversamente dall’aiuto che può fornire la relazione terapeutica all’interno di un percorso psicologico, la condivisione tra amici, senza confini temporali né spaziali, rischia di essere continua, pervasiva e, quindi, disfunzionale.

A questo punto è di fondamentale importanza sottolineare come il semplice parlare di problemi sotto forma di auto-rivelazione e condivisione non sia sufficiente a facilitare nell’altro un vissuto negativo, ma è lo stile caratteristico delle conversazioni co-ruminative, estese, ripetitive e speculative, a correlare con lo sviluppo di una sintomatologia (Schwartz-Mette & Rose, 2012).

Come intervenire sulla co-ruminazione

Per rompere il meccanismo di co-ruminazione può essere utile insegnare, soprattutto ai giovani, che risultano più inclini a questa modalità, a diventare consapevoli di quando co-ruminano e le strategie per disimpegnarsi dalla co-ruminazione, incoraggiando, inoltre, a bilanciare la condivisione di emozioni negative con attività piacevoli da svolgere con gli amici, consentendo di continuare a mantenere il livello di profondità e qualità della relazione amicale, ma affiancando momenti di leggerezza e piacevolezza. La ricerca sui rischi della co-ruminazione non intende infatti implicare che discutere dei problemi con gli amici sia dannoso, anzi, questo favorisce l’esplorazione di sé, la vicinanza e facilita la richiesta di aiuto e supporto.

Tuttavia, la condivisione con i proprio amici può, in certe circostanze, necessitare di essere alternata all’aiuto di professionisti con una prospettiva più ampia e una formazione specifica, che potrebbero fornire l’aiuto necessario senza le implicazioni negative della co-ruminazione (Schwartz-Mette & Rose, 2012).

Articolo scritto da Maria Gazzotti psicologa presso il centro di psicologia di Saronno InTerapia

Bibliografia essenziale sulla co-ruminazione

  • Caselli, G., Ruggiero M.G. & Sassaroli, S. (2017). Il Rimuginio Teoria e Terapia del Pensiero Ripetitivo. Raffaello Cortina Editore.
  • Carlucci, L., D’Ambrosio, I., Innamorati, M., Saggino, A., & Balsamo, M. (2018). Co-rumination, anxiety, and maladaptive cognitive schemas: when friendship can hurt. Psychology Research and Behavior Management, 11, 133.
  • Knipfer, K., & Kump, B. (2022). Collective rumination: When “problem talk” impairs organizational resilience. Applied Psychology, 71(1), 154-173.
  • Schwartz-Mette, R. A., & Rose, A. J. (2012). Co-rumination mediates contagion of internalizing symptoms within youths’ friendships. Developmental psychology, 48(5), 1355.
  • Spendelow, J. S., Simonds, L. M., & Avery, R. E. (2017). The relationship between co‐rumination and internalizing problems: A systematic review and meta‐analysis. Clinical Psychology & Psychotherapy, 24(2), 512-527.
5/5 - (1 vote)
Fissa un incontro con Centro Interapia

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter