Home » Articoli di Psicologia » L’importanza dello psicologo a scuola

L’importanza dello psicologo a scuola

Articolo di Federica Ferrari

26 Ott 21

Lo psicologo a scuola: lo sportello di ascolto e supporto psicologico rappresenta un’occasione di avvicinamento ad una preziosa figura di aiuto, lo psicologo che offre, nel corso dell’anno scolastico, ad ogni studente, la possibilità di sperimentare il valore della riflessione guidata da uno specialista.

Lo sportello d’ascolto psicologico non si delinea, quindi, come un percorso psicoterapeutico, bensì come uno spazio di ascolto in cui gli studenti vengono accolti generalmente per un massimo di tre/quattro incontri consecutivi. I colloqui effettuati saranno sufficienti per consentire al ragazzo di focalizzare le soluzioni attuabili, riscoprire le proprie potenzialità inespresse, uscire dall’impasse che in alcuni momenti della vita può causare passività e sofferenza.

Qualora, durante gli incontri, dovessero emergere problematiche che necessitino un maggior approfondimento, lo psicologo si occuperà di indirizzare lo studente presso un servizio adeguato al proseguimento del lavoro. Nello spirito di collaborazione e di alleanza educativa che anima le Istituzioni scolastiche, il Servizio si propone di fornire un punto di riferimento psicologico per la Scuola nel suo insieme. Oltre ai minori, pertanto, lo sportello di ascolto psicologico solitamente è destinato anche a tutte le figure che fanno parte del mondo scolastico: insegnanti e genitori degli alunni.

Psicologo a scuola: finalità e obiettivi

Le situazioni di malessere presenti nelle realtà scolastiche hanno un’origine relazionale complessa che coinvolge numerosi soggetti ed include diverse variabili e punti di vista. Il ruolo fondamentale dello sportello è quello di modificare il modo di osservare e risolvere i problemi relazionali del quotidiano scardinando l’idea che siano solo e sempre i bambini/ragazzi a creare problemi o a crearseli ma che nel gioco della relazione ciascuno ha una responsabilità individuale e personale.

Tra le diverse funzioni dello sportello possiamo indicare:

  • luogo di incontro/ascolto per insegnanti, genitori ed alunni. Ciascuno può trovare uno spazio in cui trattare i problemi e le difficoltà incontrate per provare a rielaborarli individuando strategie condivise di risoluzione.
  • osservatorio della raccolta e della percezione del benessere/malessere delle singole realtà scolastiche.
  • filtro dei possibili invii dei ragazzi ai servizi del territorio.
  • supporto per l’individuazione delle strategie d’intervento più opportune secondo la casistica attraverso:
    • la presa in carico diretta individuale per un percorso breve allo sportello;
    • l’invio ad altri servizi;
    • la rilevazione di situazioni di pregiudizio e la consulenza nelle procedure di segnalazione ai servizi;
    • il confronto individuale e di gruppo con gli insegnanti su tematiche psicoeducative o sulle difficoltà di gestione del gruppo classe;
    • la consulenza e/o la condivisione di percorsi individualizzati per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES);
  • centro di raccolta dei bisogni formativi della scuola rispetto alle problematiche più frequenti che ragazzi, genitori ed insegnanti si trovano ad affrontare (es. con serate formative).

Cosa prevede uno  Sportello di Ascolto psicologico?

Le attività di ascolto sono rivolte ad alunni, genitori ed insegnanti.

Psicologo a scuola per alunni

Tutte le attività di ascolto rivolte agli alunni sono effettuate seguendo il metodo del colloquio psicologico, accogliendo il richiedente con atteggiamento non giudicante e indirizzandolo dalla riflessione del problema, alla comprensione del suo vissuto.

Cosa sperimenta un alunno

Potrebbe essere un’occasione per l’alunno per sperimentare:

  • ascolto, accoglienza e accettazione
  • sostegno alla crescita
  • informazione ed orientamento
  • gestione e risoluzione di problemi/conflitti
  • per rispondere ed aiutare nell’elaborazione al disagio derivante dal Covid-19, fornendo rassicurazioni e suggerimenti, aiutando ad attenuare l’ansia davanti ad una quotidianità travolta dall’arrivo dell’epidemia

Attività di ascolto per genitori

Queste attività privilegiano il potenziamento delle capacità genitoriali e delle abilità comunicativo-relazionali con i figli affinché essi possano trovare ascolto e supporto:

  • nell’esercizio di una genitorialità piena e consapevole
  • nell’empowerment delle proprie competenze educative.
  • di acquisire competenze emotive e cognitive utili per affrontare il post-emergenza per loro ed i propri figli.

Insegnanti

Le attività hanno la finalità di supportare l’attività didattica fornendo ulteriori elementi di osservazione e comprensione delle dinamiche di classe, fornendo anche supporto nell’affrontare con i propri alunni tematiche legate all’emergenza Covid-19.

Contatta i professionisti del Centro InTerapia per fissare un colloquio, tramite mail info@centrointerapia.it o chiamando ai numeri 039 229 8136 o 375 56 81 922

5/5 - (1 vote)
Fissa un incontro con Federica Ferrari

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter