Home » Articoli di Psicologia » L’utilità strategica degli homework in terapia

L’utilità strategica degli homework in terapia

Articolo di Centro Interapia

5 Set 22

Uno degli elementi caratteristici della psicoterapia cognitivo-comportamentale è l’utilizzo di homework tra una seduta e l’altra, ma cosa si intende per “homework”?

Si tratta di attività che viene richiesto al paziente di svolgere durante la settimana in modo da integrare il lavoro svolto in seduta e rendere più efficace la terapia; è importante, infatti, che il paziente abbia modo di consolidare quanto sperimentato in seduta e di osservarne gli effetti nella vita quotidiana.

Gli homework possono consistere in esercizi di monitoraggio, per esempio attraverso la compilazione di un diario emotivo o di schede ABC, esercizi di rilassamento o esperimenti comportamentali di esposizione. In base al disturbo presentato e alle caratteristiche specifiche del paziente il terapeuta proporrà homework elaborati ad hoc, che concorderà con il paziente stesso: nulla infatti deve essere imposto al paziente, è fondamentale che egli ne capisca l’utilità e il razionale.

Nelle fasi iniziali della terapia l’automonitoraggio attraverso ABC costituisce un esempio tipico di attività che viene concordata in quanto permette al paziente di iniziare a cogliere il legame tra pensieri ed emozioni e comprendere così uno degli assunti fondamentali della psicoterapia cognitivo-comportamentale: non sono le situazioni a generare le emozioni, ma sono i pensieri che facciamo in determinate situazioni. Questo processo inizia durante i colloqui di terapia, ma solo quando il paziente riesce ad estenderlo anche al fuori della seduta può farlo realmente suo e raggiungere la consapevolezza necessaria al lavoro terapeutico.

Proprio sullo scopo degli homework sarà necessario soffermarsi, spiegando al paziente come essi costituiscano parte integrante della terapia; dovranno essere concordati in seduta e, se possibile, sperimentati prima con il terapeuta per verificarne la chiarezza. L’atteggiamento del terapeuta dovrà essere aperto e accogliente, disponibile a raccogliere i pensieri del paziente riguardo agli esercizi proposti e a concordare eventuali aggiustamenti; non dovrà mai passare l’idea  agli esercizi assegnati seguirà un giudizio da parte del clinico, poiché questo sarebbe dannoso per la terapia stessa e per la relazione terapeutica.

Nella seduta successiva il terapeuta non deve dimenticarsi di domandare al paziente come sia andato lo svolgimento degli homework, se sia riuscito a svolgerli, con quali esiti e come si sia sentito a riguardo. Dimenticarsi di affrontare l’argomento rischierebbe di svalutare l’utilità di questi esercizi agli occhi del paziente, che potrebbe chiedersi perché svolgere qualcosa a cui il terapeuta non si interessa in seduta. Nel caso in cui il paziente non abbia svolto quanto concordato, sarà interessante esplorare quali sono stati pensieri, emozioni, il vissuto e le difficoltà sperimentati, in modo da poter rimodulare gli esercizi e adattarli in modo più preciso.

Per concludere, il percorso terapeutico è complesso e articolato, non si esaurisce durante la seduta, ma prosegue nell’arco dell’intera settimana e beneficia degli esercizi di monitoraggio, esplorazione e consolidamento svolti durante la settimana. 

Bibliografia

Melli, G. & Sica, C. (a cura di) (2015). Fondamenti di Psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. Modelli clinici e tecniche di intervento. Eclipsi.

Articolo scritto dalla dott.ssa Maria Gazzotti riceve nello studio di Saronno

5/5 - (1 vote)
Fissa un incontro con Centro Interapia

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter