Home » Articoli di Psicologia » Come prepararsi all’arrivo del secondo genito

Come prepararsi all’arrivo del secondo genito

Articolo di Cristina Veronese

12 Giu 22

Pianti inconsolabili, la ricerca di attenzioni e maggiore contatto fisico, piccoli dispetti, il desiderio di riprendere il ciuccio o indossare il pannolino (così come altri eventi regressivi), sono solo alcune delle reazioni che manifestano i bambini e le bambine all’arrivo del fratellino o della sorellina. Reazioni che portano i genitori a sentirsi disorientati e a chiedersi quale siano le strategie da mettere in atto per placare la gelosia del primo figlio/a.

Ciò che è importante chiarire fin da subito è che questi comportamenti non devono preoccupare, anzi sono del tutto comuni, quasi fisiologici. Non è necessario che questi segnali siano interpretati come sintomi di qualcosa di patologico o problematici, ma considerati come funzionali alla rielaborazione dell’ingresso di un nuovo membro. Non sareste anche voi disorientati o ansiosi nel veder perdere la vostra centralità nella vita e nel cuore delle persone che più amate? È impossibile, dunque, evitare il nascere di questi stati emotivi che possiamo definire come -gelosia-, ma anche -paura- di essere esclusi o abbandonati, ma molto si può fare per aiutare il fratello o la sorella maggiore a gestire con più serenità questo importante passaggio.

Di seguito alcune indicazioni per gestire al meglio questa fase al quanto delicata, ma transitoria. 

Gelosia e Paura: come si manifestano

Se parliamo di gelosia tra fratelli e sorelle dobbiamo tener presente la sua funzione/valore adattivo a fronte della percezione di una minaccia all’integrità della relazione privilegiata con i genitori. Così la paura di essere abbandonati o esclusi porta il bambino/a ad assumere comportamenti del tutto irrazionali che potremmo tradurre come il bisogno di manifestare il ventaglio emotivo sperimentato in quella fase. Ma quali comportamenti sono degni di nota e attenzione? 

  • Comportamenti aggressivi improvvisi; 
  • Eccessive premure e gentilezze nei confronti del nuovo/a arrivato/a: è possibile che il primogenito/a tenda a reprimere i propri istinti aggressivi (perché questi avrebbero come esito conseguenze disastrose) tramutandoli in attenzioni e cure morbose;
  • Regressioni e comportamenti di attaccamento: la richiesta di contatto continuo e la necessità di sentirsi rassicurati (del legame speciale tra lui o lei e i genitori).

Dare la notizia è compito dei genitori

prepararsi al secondo figlòioSembra scontato, ma non lo è poiché comunicare la lieta notizia al figlio/a maggiore, significa riconoscere, anche ai suoi occhi, l’importanza che lui o lei ha nella famiglia, restituendone il ruolo che possiede all’interno del sistema. Perciò è importante che non intuisca o venga a sapere “per caso” quello che sta per accadere, né tanto meno che ne venga a conoscenza attraverso il racconto di altri membri della famiglia allargata (es. nonni o zii).

E questo per due motivi di fondamentale rilevanza: tenere il primogenito/a all’oscuro indica restituirgli/le un messaggio fuorviante ossia quello di considerarlo/a poco meritevole di  una simile notizia (mi riferisco in particolare ai bambini o alle bambine sufficientemente grandi da comprendere cosa significhi l’arrivo di un nuovo cucciolo); oppure diversamente che l’evento rappresenti qualcosa di minaccioso attivando così ansie o paure.

Questo accade poiché l’immaginario dei bambini e delle bambine può essere costellato di immagini e pensieri che si allontanano di gran lunga dalla realtà proprio laddove si presentano novità, eventi stressanti e ciò accade soprattutto se tenuti all’oscuro. 

Prepararlo/a all’assenza della madre per il parto

“Sai, quando arriverà il fratellino (o la sorellina), la mamma andrà qualche giorno all’ospedale, lì si prederanno cura di noi e poi torneremo tutti a casa da te. Se sarà possibile verrete a trovarci così vedrai con i tuoi occhi quanto è piccolo/a…” 

Questa è solo una delle modalità con cui è possibile iniziare il discorso, ma sarete voi a sceglierete le parole che più vi appartengono e sentirete più vicine per comunicare l’assenza della figura materna per qualche giorno. 

Non inventate scuse e chiarite che la madre e il piccolo/a saranno all’ospedale per ricevere premure e attenzioni. I più grandi associano spesso l’ospedalizzazione alla – malattia- e quindi al -pericolo-, per questo è utile chiarire con serenità che essi/e soggiorneranno lì per pochi giorni così da accedere alle cure necessarie. Questo potrà innescare una serie di domande a cui chiaramente sarà utile rispondere trasmettendo serenità e una certa padronanza della situazione con l’obiettivo di tenere a bada ansie e paure.

Confronto che, badate bene, non è necessario avvenga molti mesi prima della nascita: i bimbi/e hanno una dimensione temporale diversa da quella degli adulti.

Quando la nascita coincide con altri eventi importanti

“Il piccolo arriverà a settembre e proprio in quei giorni il mio grande inizierà la scuola dell’infanzia. Siamo preoccupati, tanti cambiamenti in atto, come faremo?”

Niente panico! Novità e cambiamenti compresa l’inquietudine che li accompagna, così come paure e sensi di colpa potranno abitare le vostre menti e i vostri cuori, ma con qualche accortezza e una buona organizzazione potrete placare le vostre ansie. Tentando di riassumere, ecco alcuni ulteriori accorgimenti.

  1. Accettate di non poter controllare tutto; 
  2. Accogliete gli imprevisti e con lucidità agite secondo le vostri reali possibilità;
  3. Integrate domande, paure e dubbi dei figli più grandi alle vostre e tentate di rassicurare. Se vi sentite in grado di gestirle, esplicitate con franchezza le vostre emozioni (es. paura, gioia, felicità);
  4. Mantenete il più possibile ruotine e impegni quotidiani;
  5. Prevedete “il piano B”. Come ci muoviamo se dovesse accadere che…?;
  6. Affidate alcune incombenze a famigliari e amici (la spesa, la tappa al parchetto, la merenda con gli amici e le amiche del vostro piccolo/a); 
  7. Preparatevi per tempo. Ad es. se il figlio/a più grande si addormenta solo con la madre (perché può capitare), lavorate affinché si avvicini al momento della nanna anche con il padre;
  8. Ancora una volta, significate quanto sta accadendo ai più grandi utilizzando parole per loro comprensibili. Se sono molto piccoli mantenete per quanto possibile il consueto svolgere quotidiano e siate accoglienti circa i loro malumori.

Evitare di sminuire o reprimere le emozioni del bambino

Frasi quali “Non piangere! Non essere geloso/a” non permettono al primo/a figlio/a di avvicinarsi in maniera genuina alle proprie emozioni.  Quale potrebbe essere un approccio più funzionale e accogliente?

  • non giudicarlo/a;
  • prova a metterti nei suoi panni; 
  • cerca di capire i suoi reali bisogni e le sue emozioni (rabbia e frustrazione ma anche gioia ed eccitazione; bisogno di sentirsi visto e accolto, paura dei cambiamenti e delle novità); 
  • evita punizioni e ricatti (non aiutano a creare in rapporto di fiducia e autostima);
  • patteggia scelte e possibilità per età e capacità;
  • fai capire che ti fidi di lui o lei;
  • accettate eventuali regressioni e transitorie ostilità,
  • Le emozioni vanno accolte e nominate, solo così i figli/e potranno imparare a gestirle.

Non fraintendete, non tutto può essere concesso o permesso, limiti e confini sono necessari per lo sviluppo armonico dei bambini e delle bambine, ma qui si tratta di accogliere le emozioni e i vissuti di vostro figlio/a in un processo che porta con sé grandi cambiamenti, stravolgimenti, nuove routine da imbastire e nuovi ruoli da ridefinire. 

Coinvolgere il bambino o la bambina: lavorate sulla relazione

“Per il tuo fratellino devo preparare una piccola valigia, mi vorresti aiutare?” – “Hai visto come sorride quando sente la tua voce?”

Farsi aiutare nella gestione del piccolo/a significa valorizzare il suo ruolo all’interno della famiglia mentre assegnare un compito (adeguato per capacità ed età) lo/la farà sentire orgoglioso/a di sé e investito di “nuove” attenzioni da parte dei genitori. Occuparsi della loro relazione fin da subito aiuterà il/la più grande a prendere le giuste misure con il nuovo arrivato/a, a non percepirsi escluso.

Alcuni genitori, nel tentativo di sostenere il/la figlio/a più grande, escludono in maniera volontaria (ma chiaramente fittizia) il più piccolo/a concentrando sul primogenito/a eccessive attenzioni (seguiti a ruota da parenti e amici). Questa scelta apparentemente strategica non farà che alimentare la sua onnipotenza e l’insorgenza di gelosie: in primis perché questo atteggiamento è ben lontano dalla realtà che sta vivendo il nucleo, e infine, perché la staticità del neonato evolverà verso la conquista del mondo e sarà del tutto impossibile limitarne la presenza. 

 Non sarà forse meglio coltivare fin dai primi giorni una relazione in cui ad ognuno vengano riconosciuti bisogni e attitudini? 

Non dare al bambino o alla bambina una visione distorta della realtà: dare un significato a quanto vedono

Spiegare e significare ogni avvenimento può calmare le ansie e le paure del piccolo/a. Ad esempio, chiarire perché il nuovo/a arrivato/a piange, si dimena e non è così facilmente placabile aiuta il figlio o la figlia più grande a dare un senso alle fatiche genitoriali e al comportamento stesso del fratello o sorella; oppure, rendere esplicito che la madre sarà molto impegnata per alcuni giorni ( così come il padre, ma se è stato avviato l’allattamento al seno è chiaramente la madre ad essere maggiormente occupata) eviterà di farlo sentire escluso/a e/o rifiutato. Coinvolgere il primo/a figlio/a nelle consuete attività (cambio del pannolino, applicazione della crema, intrattenimento etc.) lo o la aiuterà a sentirsi utile, responsabile e coinvolto nella cura del più piccolo/a. 

È davvero necessario prevedere dei regali anche per il primo/a figlio/a?

Probabilmente si tratta di un gesto carino soprattutto se il dono viene consegnato da parte del nuovo nascituro o nascitura al fratello o sorella maggiore. Ma cosa altrettanto importante sarà prevedere alcuni momenti o attività che facciano sentire il primogenito/a ancora protagonista del ménage famigliare nonché visto/a, accolto/a, pensato/a dai genitori che saranno chiaramente presi e occupati a pre-occuparsi dal nuovo membro.

Concludendo…

Riassumendo, accoglienza e disponibilità da parte dei genitori permetterà al primogenito/a di vivere le proprie emozioni serenamente. Attenzione, non si tratta solo di prevedere crisi di pianto, rabbia o frustrazione, quanto di lasciar che questo si trasformi in una fase, un periodo in cui il bambino/a possa sperimentare questi eventi emotivi (perché naturali) con il conforto e il calore affettivo da parte dei genitori.

 

Questa fase, carica di tensioni e conflitti, a causa delle manifestazioni più o meno intense che possono essere messe in atto, consente inoltre di affrontare e superare una fase dello sviluppo del bambino/a che lo porterà verso un’adeguata maturazione sociale ed emotiva. Infatti imparare a gestire le emozioni e tollerare un buon grado di frustrazione fin da piccoli in maniera “positiva” faciliterà e renderà serene le future relazioni sociali in età adulta.

Il rapporto tra fratelli e sorelle può dunque essere considerato come una sorta di palestra “emotivo-relazionale” attraverso la quale si costruiscono la fiducia reciproca, la tolleranza, l’adattabilità piuttosto che la diffidenza e l’individualismo nel rapporto con gli altri.

articolo scritto dalla dott.ssa Cristina Veronese pedagogista presso il centro di psicologia di Monza

 

 

5/5 - (1 vote)
Fissa un incontro con Cristina Veronese

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter