Home » Articoli di Psicologia » QUANDO L’USO DI UNA SOSTANZA DIVENTA PATOLOGIA

QUANDO L’USO DI UNA SOSTANZA DIVENTA PATOLOGIA

Articolo di Federica Ferrari

1 Giu 21

Quando si parla di dipendenza da sostanze ci si riferisce ad un utilizzo problematico delle stesse, ma quando si arriva a definirlo tale?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS, 2012) ha stimato la diffusione dell’uso di sostanze illegali  tra la popolazione mondiale di età compresa fra i 15 ed i 64 anni. Si stima che il 3.6-6.6% della popolazione abbia fatto uso almeno una volta di una qualche sostanza illegale ed il 12% ne fa un uso problematico. Rispetto alla diffusione per tipologia di sostanze, le più utilizzate sono la Cannabis e le anfetamine seguite da oppioidi e cocaina. 

A prescindere dal tipo di sostanza, le dipendenze patologiche presentano un insieme di comportamenti caratteristici: la compromissione del controllo dell’uso della sostanza, la compromissione sociale, l’uso rischioso della sostanza e la presenza di effetti fisiologici indotti farmacologicamente.

La compromissione del controllo dell’uso della sostanza 

Perdere il controllo dell’uso della sostanza significa che il soggetto inizia ad assumerla in quantità maggiore o per un periodo di tempo più lungo rispetto alle sue intenzioni, cerca di interromperne l’uso senza riuscirci  e manifesta il persistente e irrefrenabile desiderio di utilizzarla (craving).

La compromissione sociale 

Quando il soggetto che utilizza la sostanza fatica ad adempiere agli obblighi abituali a lavoro, a casa, a scuola vede il suo funzionamento sociale inficiato. Inoltre accade spesso che si riducano o si abbandonino importanti attività sociali, lavorative e/o ricreative proprio a causa degli effetti della sostanza o del tempo trascorso a procurarsela.

L’uso rischioso della sostanza 

Il soggetto fa uso della sostanza in situazioni fisicamente pericolose oppure persiste nell’uso nonostante la consapevolezza che questa possa provocare problemi di natura fisica e/o psicologica.

La presenza di effetti fisiologici indotti farmacologicamente

L’effetto della sostanza sul sistema nervoso centrale provoca delle importanti modificazioni sul piano comportamentale o psicologico (es. litigiosità, labilità dell’umore, deficit cognitivi, difetto delle capacità critiche) e che si sviluppano durante o poco dopo l’assunzione della sostanza. Questo fenomeno si chiama intossicazione.

Altri due effetti clinicamente rilevanti solo la tolleranza e l’astinenza. La tolleranza consiste nell’aumento della quantità e/o della frequenza d’uso della sostanza per mantenere gli effetti desiderati e raggiungere lo stato d’intossicazione o, al contrario, la diminuzione di tali effetti con il mantenimento della quantità e/o della frequenza di assunzione. La tolleranza varia notevolmente da individuo a individuo. L’astinenza consiste nello sviluppo di una specifica sintomatologia conseguente alla sospensione repentina dell’uso della sostanza, o la persistenza dell’uso per evitare o attenuare tale sintomatologia.

Il percorso verso la dipendenza solitamente ha una fase di inizio in cui la consumazione della sostanza è occasionale e avviene per sperimentazione e/o fuga da emozioni negative; una fase intermedia di intensificazione dell’uso in cui il soggetto ricerca attivamente gli effetti della sostanza e diventa più abile a gestirla fisicamente e socialmente; una fase di dedizione in cui si instaura la vera e propria dipendenza in cui il bisogno diventa patologico, il comportamento disregolato e insorgono problematiche mediche e sociali. 

I trattamenti psicologici tradizionali per le dipendenze sono l’Approccio Motivazione di Miller (1991), e la Terapia Cognitivo-Comportamentale.

5/5 - (2 votes)
Fissa un incontro con Federica Ferrari

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter