Home » Articoli di Psicologia » In Balia delle proprie Emozioni: L’importanza di Mentalizzare

In Balia delle proprie Emozioni: L’importanza di Mentalizzare

Articolo di Elisa Bezze

3 Ago 22

La capacità di regolare le emozioni si sviluppa all’interno della relazione caregiver-bambino, quando i cambiamenti di stato del bambino, come fame o sonno, vengono colti adeguatamente da chi si prende cura di lui momento per momento.

Il bambino piccolo impara a regolare gli affetti prima ancora di imparare a parlare, all’interno del legame di attaccamento: questo si potrebbe considerare come il primo step nella conquista dell’abilità di regolare le emozioni. Quando, in maniera ripetuta e sistematica, questa sintonizzazione adulto-bambino non avviene, l’esito è spesso un deficit nella regolazione delle emozioni.

COS’E’ LA MENTALIZZAZIONE

La mentalizzazione è un’abilità sofisticata che progredisce durante lo sviluppo e si può considerare il secondo step nella capacità di regolare le emozioni. La sua acquisizione avviene in maniera complessa ed è influenzata da numerosi fattori che riguardano la qualità dell’attaccamento con le figure genitoriali. Essa implica l’abilità di:

  • regolare le emozioni;
  • riconoscerle;
  • poterle pensare;
  • fare dei ragionamenti su di esse.

Si tratta della capacità di “tenere in mente la mente” (la propria e quella degli altri), comprendere i fraintendimenti, vedere sé stessi dall’esterno e gli altri dall’interno. Mentalizzare significa usare il proprio pensiero in modo vivace e flessibile e permette di:

  • costruire e distruggere;
  • simbolizzare, associare e creare connessioni;
  • fare piani, fantasie e sogni.

COSA SUCCEDE QUANDO LA MENTALIZZAZIONE E’ CARENTE?

Un deficit nella capacità di mentalizzare comporta una difficoltà:

  • nella regolazione delle proprie emozioni;
  • nel comprendere e riconoscere le emozioni degli altri;
  • nel controllare gli impulsi.

Si tratta perciò di difficoltà o carenze a carico delle emozioni e dei pensieri, spesso di entrambi allo stesso tempo. Nel disturbo istrionico di personalità, ad esempio, emozioni come pianto, rabbia e gioia sono espresse in maniera incontrollata e plateale, anche per eventi di scarso rilievo.

DIFFICOLTA’ NELLA GESTIONE DELLE EMOZIONI:

In assenza o carenza di mentalizzazione, la gestione delle emozioni risulta difficile perché non si riesce a contenerle, tollerarle o dar loro senso. Si tratta di un continuum di difficoltà che vanno dall’inibizione alla disregolazione emotiva, cioè da una sorta di “scollegamento” a veri e propri “scoppi” emotivi.

Si possono perciò provare emozioni intense tali da essere esplosive, vissute come troppo forti o troppo dirompenti. In questi casi si verifica una concomitante “perdita di pensiero”: in assenza di regolazione emotiva può accadere di smarrirsi in un caos di sentimenti.

TROPPA EMOTIVITA’ E TROPPO POCA

metallizzare metallizzare

L’emotività può essere così forte e intensa da compromettere la capacità di pensare e comprendere gli stati mentali propri e altrui. Può trattarsi di una condizione costante oppure essere circoscritta a situazioni particolari. Ad esempio, a chiunque può capitare di perdere la capacità di riflettere quando “viene premuto il bottone”.  Possiamo infuriarci, incolpare e gridare a seconda di ciò che ci attiva. Possiamo cadere nella disperazione, nel terrore nel dolore.

All’estremo opposto si può sperimentare un’inibizione emotiva: si tratta di una sorta di “soppressione” delle emozioni. In questi casi c’è una mancanza di parole per riconoscere, esprimere e differenziare le emozioni e dar loro significato. Il pensiero tende ad essere rigido oppure “scollegato” dall’emotività, le difficoltà sono attribuite a circostanze esterne e materiali piuttosto che a fattori psicologici, la fantasia è povera o assente così come i sogni.

COME AUMENTARE LA CAPACITA’ DI MENTALIZZAZIONE

È possibile migliorare l’abilità di mentalizzare in diversi modi, per esempio svolgendo semplici esercizi quotidiani:

  • Esercizi su di Sé: si tratta di auto-osservarsi e concentrarsi sulle emozioni. Sentire cosa si sta provando in quel momento e formulare delle teorie su quale bisogno, desiderio, motivazione, intenzione sottendono quella particolare emozione.
  • Esercizi sugli altri: si può selezionare un comportamento di qualcuno che ci ha particolarmente impressionato e formulare delle ipotesi su quali emozioni possa aver provato, quali intenzioni, desideri, bisogni o motivazioni possano averlo indotto a quel comportamento.

QUANDO RIVOLGERSI A UNO PSICOLOGO

La psicoterapia è un’altra modalità con cui cercare di incrementare l’abilità di mentalizzare. Il lavoro terapeutico si muove innanzitutto dalla costruzione di una relazione di fiducia, in cui ci si possa sentire accolti e compresi. Esso può svolgersi nel “qui e ora”, facilitando ed agevolando l’espressione, l’accoglienza e la comprensione di ciò che si prova durante la relazione terapeutica.

In generale l’obiettivo è quello di:

  • nei casi di disregolazione: creare uno spazio di riflessione tra l’emozione e il comportamento, per accogliere e comprendere le emozioni senza che queste diventino paurose o dirompenti.
  • nei casi di inibizione: creare un ponte tra il pensiero e il sotterraneo mondo emotivo, per poter dare un nome, riconoscere e vivere le emozioni negate.

 

A‍rticolo scritto dalla dott.ssa Elisa Bezze

5/5 - (1 vote)
Fissa un incontro con Elisa Bezze

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter