Home » Articoli di Psicologia » Insonnia: come si relaziona con le nostre emozioni e come affrontarla al meglio

Insonnia: come si relaziona con le nostre emozioni e come affrontarla al meglio

Articolo di Giada Sera

2 Gen 22

A tutti sarà capitato di passare una notte insonne. Quando succede, spesso è legato alla presenza di uno stress fisico, emotivi o eventi contingenti avvenuti in quei giorni. L’insonnia transitoria si può manifestare come estrema difficoltà nel prendere sonno, risvegli costanti durante la notte o risvegli al mattino presto dopo un numero di ore di sonno insufficienti. Queste difficoltà solitamente durano periodi brevi e si differenziano dal disturbo di Insonnia. 

Cosa sono i disturbi di Insonnia?

Il disturbo di insonnia si riferisce ad una condizione pervasiva nel tempo rispetto alla quantità o alla qualità del sonno. Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5) indica come necessaria la presenza e la reiterazione nel tempo (3 mesi per almeno 3 notti a settimana) di alcuni specifici sintomi, quali ad esempio:

  • difficoltà ad addormentarsi;
  • difficoltà a rimanere addormentati;
  • risveglio anticipato;
  • compromissione diurna.

Le ripercussioni nella vita quotidiana possono essere diverse: difficoltà di concentrazione, difficoltà di gestione emotiva, decremento delle capacità lavorativa, …

emozioni ed insonnia

Che relazione c’è tra l’insonnia e le emozioni? 

L’insonnia può rappresentare un fattore di rischio o un fattore causale per lo sviluppo di alcuni disturbi psichiatrici (Harvey, 2001; Lichstein, 2000). 

Nelle persone affette da depressione il sonno può essere alterato in quantità e qualità. Infatti il DSM-5 individua l’insonnia e l’ipersonnia (eccessiva sonnolenza diurna) come effetto di uno stato depressivo. La persona depressa spesso dorme male o poco o, al contrario, riporta eccessiva sonnolenza durante la giornata, di solito come effetto di apatia e anedonia. 

Vi è una forte relazione anche tra i disturbi d’ansia e i disturbi del sonno. Infatti tra i criteri diagnostici del disturbo d’ansia generalizzata (GAD) (DSM-5) vi sono “alterazioni del sonno (difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno, o sonno inquieto e insoddisfacente)”. Le persone con disturbi d’ansia possono soffrire di difficoltà di addormentamento e di risvegli frequenti durante la notte, causando una riduzione della qualità del sonno e, di conseguenza, alimentando l’ansia e la paura di non riuscire più a dormire bene. 

Inoltre, la regolazione  emotiva – quindi la nostra capacità di gestire le emozioni –   è fortemente influenzata da buone abitudini del sonno. La terapia dialettico comportamentale (Dialectical Behavior Therapy – DBT)  di Marsha Linehan sostiene che un ritmo del sonno equilibrato diminuisce la tua vulnerabilità emotiva.

 Cosa fare per migliorare il proprio sonno? 

  • Rispettare il più possibile gli stessi orari di addormentamento e risveglio; 
  • Ridurre “il riposino pomeridiano” che può rendere più faticoso il sonno notturno;
  • Creare una routine specifica prima di andare a letto; 
  • Evitare eccessi con cibo, alcool, caffeina e attività fisiche intense in orario serale; 
  • Preparare la camera da letto, ovvero creare uno spazio dedicato al riposo dove la temperatura sia adeguata, vi sia silenzio e buio;
  • Ridurre gli stimoli prima di andare a letto, come ad esempio il telefono, il pc e qualsiasi schermo. 

         Bibliografia

Articolo scritto dalla dott.ssa Giada Sera psicologa e psicoterapeuta

5/5 - (1 vote)
Fissa un incontro con Giada Sera

Centro InTerapia 
E-mail: info@centrointerapia.it
Telefono: 375 568 1922

Registrati gratuitamente
alla nostra Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter di interapia

Iscriviti alla newsletter del Centro Interapia per ricevere le ultime notizie di psicologia direttamente e in maniera gratuita nella tua casella di posta.

Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter